Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE> Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE Foto by AAE

Fase Lunare e cielo stasera

CURRENT MOON

Ti aspettiamo

 

 


La nostra galleria fotografica

AVVISI

Ricordiamo che le iscrizioni sono sempre aperte
invitiamo i soci a rinnovare l'iscrizione e i simpatizzanti ad unirsi a noi

ritratto di admin

Abano Terme - Un piccolo esempio di risanamento

Segnaliamo un interessante articolo pubblicato da Luza Zaggia (Veneto Stellato - AAE) su un intervento interessante eseguito ad Abano Terme


ritratto di g.milani

Nova nella costellazione dello Scudo

Hideo Nishimura (Miyawaki, Kakegawa, Japan) ha osservato ieri, 8 novembre, una sospetta nova apparsa nella costellazione dello Scudo.
La stella, intorno alla magnitudine 8, si trova in A.R  = 18h43m45s.57, Decl. = -7°36'42".0 (equinozio 2000.0), la posizione è stata misurata da Ernesto Guido e Giovanni Sostero.
Nishimura riporta che nelle sue riprese dello stesso campo la sera prima, non e' visibile nulla fino alla magnitudine 11,5. Le riprese (da parte dei giapponesi) sono state effettuate con fotocamera Canon EOS 5D  (+ obbiettivo Minolta 120-mm f/3.5).


ritratto di admin

Exposcuola

Ci saremo anche noi

exposcuola

 

 

 

 

 


ritratto di Carlo Vinante

Aggiornato il calendario delle attività

Abbiamo aggiornato il calendario delle attività programmate per il mese di novembre.


ritratto di g.milani

Nova Sagittari n.4

Sempre  di questi giorni è la notizia della scoperta di una nova nel Sagittario, la quarta dell'anno in questa costellazione.
La stella, scoperta il 26 ottobre dai giapponesi Koichi Nishiyama e Fujio Kabashima, si trova alle coordinate A.R. = 18h31m32s.79, Decl. = -16°19'07".5 (equinozio 2000.0) ed è intorno alla magnitudine 9.3.
A confermare la scoperta ha contribuito Paolo Corelli di Pagnacco.

(fonti IAUC 9088, CBET 1994)


ritratto di g.milani

Cometa 2009 U5 (Grauer)

A. D. Grauer all'Osservatorio di Mt. Lemmon ha scoperto il 23 ottobre una cometa che si presenta potenzialmente interessante.

Passerà al perielio alla fine del mese di agosto del 2010 e ad una distanza di 0,57 Unità Astronomiche dal Sole.
A questa distanza potrebbe diventare un oggetto luminoso, anche se purtroppo non sarebbe in una posizione facile per le osservazioni. Vi sono però ancora molte incertezze sull'orbita e dovremo attendere parametri più accurati per capire come sarà l'apparizione di questo nuovo oggetto.

(fonti IAUC 9088, CBET 1994)


Facebook

Archivio mensile

Elenco degli articoli pubblicati nel sito, per anno e mese